I PONY GAMES

 

1606244_914595091916013_2925498149267928010_o 10631236_909367159105473_1891455031946095021_o 11059450_909367129105476_12109001651724420_o 11258831_909367099105479_7313394018143094635_o 11402782_909366909105498_3075224465487198359_o 11411783_914594921916030_8141558011205983371_o 11411838_914595145249341_5955627218401339383_o 11537582_909367115772144_4142542899950258094_o 11537615_909367142438808_1896488961183156062_o 11700627_914595078582681_8205900949349619269_o 11717458_909367179105471_9139478008379044403_o 11754868_914594878582701_5112216395754872235_o
 

 

 I pony games  o giochi pony sono innanzitutto un mezzo pedagogico e poi sportivo.

Sono attualmente il metodo più moderno per iniziare l’equitazione.

Anche bambini di età inferiore ai sei anni possono iniziare questa attività.

 

VALORI PEDAGOGICI

I bambini emergono e apprendono attraverso il gioco. Questo sport equestre permette ai bambini, ma anche agli adulti, di imparare l'equitazione in modo ludico e pedagogico.

Questa nuova metodologia di avvicinamento per i più piccoli consente di associare il gioco alla formazione tecnica introducendo la modalità di lavoro in squadra con tutti i vantaggi rispetto allo stare insieme, fondamentale per questo target d’età.

I Pony Games consentono al bambino di trovare un nuovo compagno di gioco con il quale fare tante stimolanti esperienze,  contribuendo alla formazione e all'inserimento dei più giovani nelle regole della vita sociale, grazie al suo spirito di gruppo.

 

RAPPORTO CON L’ANIMALE

Come in ogni attività equestre, il rapporto pony/cavaliere è molto importante nei Pony Games. E’ dunque essenziale che fra i due non esista contrasto, ma una ricerca di comprensione reciproca. Ogni violenza verbale o fisica è dunque esclusa. Speroni e frustino sono vietati.

Questa assenza di mezzi di coercizione impone un modo di procedere basato sulla complicità e la fiducia. Così solo con un giusto equilibrio fra il pony ed il cavaliere si può ottenere un buon risultato.

 

RESPONSABILIZZAZIONE E VOLONTA’

I Pony Games, per natura, partecipano alla formazione del carattere del cavaliere e condizionano il suo comportamento sul piano individuale e nel rapporto con gli altri:

il giovane cavaliere accetta le regole del gioco, le decisioni dei giudici e non cerca di riportare la responsabilità degli errori commessi sull’animale o sui suoi compagni di squadra, quando un cavaliere commette un errore tocca a lui stesso correggerlo,un gioco deve sempre essere portato a termine correttamente, quest’obbligo di andare fino alla fine del gioco e questa possibilità di accettare consapevolmente l’errore commesso, favoriscono la perseveranza, la volontà,l’assunzione di responsabilità, lo spirito di squadra, la buona atmosfera ed il rispetto del prossimo, ogni cavaliere è integrato in una squadra.

 

LE ORIGINI

I Pony Games sono apparsi in Inghilterra alla fine degli anni 50. In questo periodo in Gran Bretagna, l'equide costituiva ancora un modo di locomozione ed una pratica usuale pertanto i cavalieri in erba

dovevano imparare a circolare con spigliatezza sia in ambiente naturale che urbano, ovviamente a bordo strada, e dovevano saper affrontare tutte le situazioni.

In questo paese, a forte cultura equestre, il gioco a squadre e la competizione sono apparsi il miglior metodo di apprendimento.

Il successo fu immediato e totale.

D'altronde i migliori cavalieri britannici attuali, sia in salto ostacoli che in completo, sono nati da questa scuola.

Oggi i Pony Games sono usciti dalla nazione di origine ed hanno sempre maggiori seguaci in Europa e nel mondo. Le competizioni organizzate permettono di riunire praticanti di tutte le discipline equestri.